ASD/SSD limite ai contanti fissato ad € 1.000,00

Si ricorda che nei sistemi gestionali ASD/SSD (quindi validi solo per il settore sportivo dilettantistico) è in vigore l’art. 25 comma 5 della Legge 133/99 che afferma:

I pagamenti a favore di societa’, enti o associazioni sportive dilettantistiche di cui al presente articolo e i versamenti da questi effettuati sono eseguiti, se di importo pari o superiore a 1.000 euro, tramite conti correnti bancari o postali a loro intestati ovvero secondo altre modalita’ idonee a consentire all’amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli, che possono essere stabilite con decreto del Ministro delle finanze da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400. L’inosservanza della presente disposizione comporta ((…)) l’applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 11 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471, recante riforma delle sanzioni tributarie non penali in materia di imposte dirette, di imposta sul valore aggiunto e di riscossione dei tributi.

Si tratta di una norma SPECIALE che pertanto deroga al limite fissato nella finanziaria del 2016 che prevede l’obbligo di tracciabilità esclusivamente per somme superiori a 3.00,00 (tremila/00) euro.

Tale orientamento è oltremodo confermato dalla Risoluzione n.45/E del 2015

Si ricorda che, come specificato nella summenzionata Risoluzione, il superamento dei limiti di euro 1.000,00 (mille/00) comporta l’applicazione di norme amministrative ( da 250 a 2.500,00 euro) e non il disconoscimento della operazione.